You are here
Home > Salute e Bellezza > Cancro al seno curato con “immunoterapia a cellule T”

Cancro al seno curato con “immunoterapia a cellule T”

Nuove prospettive di cura per il tumore del seno con metastasi.  I risultati positivi arrivano da un primo studio clinico su una sola paziente con il cancro in stato avanzato. A dimostrare la fattibilità di questo approccio terapeutico, il gruppo di Steven Rosenberg del National Institutes of Health di Bethesda in Maryland. I linfociti T della donna sono stati in grado di eliminare completamente il tumore e tutte le metastasi, offrendole una possibilità di cura laddove tutte le terapie convenzionali somministrate in precedenza avevano fallito. È la prima applicazione di successo della “immunoterapia a cellule T” per il cancro del seno in fase avanzata: la paziente è da due anni libera da malattia.

Sono due gli approcci più efficaci di immunoterapia, che è l’ultima frontiera della lotta ai tumori e si basa sull’uso delle difese del corpo del paziente per sconfiggere la malattia:  il primo è l’attivazione delle cellule immunitarie del paziente direttamente nel suo corpo tramite farmaci, il secondo è una terapia basata sull’uso diretto di cellule immunitarie. In quest’ultimo approccio i linfociti T del paziente sono isolati dal suo sangue o dal tumore stesso e poi gli oncologi selezionano solo le cellule di difesa in grado di riconoscere e attaccare la neoplasia. Questi linfociti T specifici per il tumore vengono coltivati in provetta e poi iniettati di nuovo nel corpo del paziente.

Il successo delle cure immunoterapiche varia molto in funzione del tipo di tumore che si vuole vincere. Le sperimentazioni cliniche basate sull’uso di farmaci immunoterapici non avevano avuto dato prova di efficacia nel trattamento del cancro al seno. Rosenberg e colleghi hanno tentato la terapia con cellule immunitarie su una paziente in fase avanzata di malattia, con metastasi che era risultata incurabile con le terapie convenzionali. Hanno isolato i suoi linfociti T, scelto quelli specifici contro il tumore attivandoli in provetta per renderli più efficaci, e li hanno infine iniettati di nuovo nel corpo della paziente. È stato un successo, le cellule T hanno eliminato il tumore e le metastasi, infatti la donna risulta libera da malattia da due anni pur non facendo più cure oncologiche.

Articolo precedente
Prossimo articolo

Lascia un commento

Top
+