You are here
Home > Sport > Inter-Napoli, tifoso morto investito prima della partita: nove indagati

Inter-Napoli, tifoso morto investito prima della partita: nove indagati

È Daniele Belardinelli il tifoso dell’Inter morto investito a Milano in via Novara dove, prima della partita con il Napoli, ultras nerazzurri hanno attaccato alcuni pulmini di tifosi partenopei. Originario di Varese, 35 anni, Belardinelli aveva ricevuto in passato almeno un Daspo di cinque anni.

Sono nove, compresi i tre interisti già in carcere, gli indagati per gli scontri avvenuti prima del match. Per tutti l’accusa è di rissa aggravata, mentre gli investigatori della Digos sono ancora al lavoro per identificare il conducente del Suv che ha investito e ucciso Belardinelli.

Secondo quanto riferito dalla questura di Varese, Belardinelli era sorvegliato speciale per reati connessi a manifestazioni sportive. Era stato oggetto di diversi provvedimenti di Daspo, l’ultimo dei quali concluso nel 2017. Belardinelli era riconosciuto a Varese come uno dei capi dei “Blood Honour”, la frangia più estrema del tifo biancorosso che è storicamente gemellato con quello dell’Inter. Un Daspo di cinque anni risale al novembre 2007, per gli scontri a margine di Varese-Lumezzane, un altro al luglio 2012, quando Belardinelli era a Como per l’amichevole estiva tra la squadra locale e l’Inter.

Secondo quanto ricostruito finora, l’investimento sarebbe il momento conclusivo di scontri tra tifosi di opposte fazioni avvenuto in via Novara intorno alle 19.30. I magistrati stanno anzitutto accertando se vi sia una relazione tra gli incidenti e l’investimento. Certa è invece l’ipotesi di reato contestata ai tre tifosi interisti allo stato indagati: rissa aggravata e lesioni.

Articolo precedente
Prossimo articolo

Lascia un commento

Top
+