You are here
Home > Senza categoria > Estrattori di succo: guida all’acquisto

Estrattori di succo: guida all’acquisto

Recensione-estrattore-di-succo-a-freddo-Hurom-

L’estate è alle porte, meglio prepararci per quando finalmente potremo riporre maglioni e calze e invece indosseremo abiti freschi e leggeri. Come? Con una dieta salutare e i golosi estratti di frutta e verdure che hanno campeggiato l’anno scorso su tutte le tavole, dai tavolini da bar alla  tavola di casa, per grandi e per piccini.

Gli estrattori di succo a freddo sono elettrodomestici sempre più diffusi nelle nostre case, complice anche la riscoperta del mangiar sano. Gli estrattori, infatti, consentono di ricavare il succo da frutta e verdura trasformando gli alimenti in bevande: ingerendo cibi liquidi, infatti, facilitiamo la digestione senza privarci dei nutrienti necessari.
Se avete bambini piccoli, spesso restii a mangiare frutta e verdura, con i succhi estratti potrete facilitarvi il compito, saranno pasti sicuramente più graditi. Non bisogna però confondere gli estrattori con le centrifughe, queste ultime, infatti, tendono a triturare i cibi e a produrre più scarti.

Caratteristiche da valutare per l’acquisto di un estrattore

Prima di acquistare un estrattore, il cui prezzo va solitamente dai 100 ai 600 euro, tenete presente diverse caratteristiche:

Materiali di produzione: i migliori estrattori sono costruiti in acciaio inox, ma sono anche i più costosi. Una valida alternativa potrebbe essere il Tritam, o l’Ultem, materiali plastici di ultima generazione.
Manutenzione: se avete intenzione di preparare molti succhi nel vostro quotidiano, meglio optare per estrattori facilmente lavabili in lavastoviglie. Alcuni estrattori, infatti, devono necessariamente essere lavati a mano.
Motore: gli estrattori migliori hanno un motore che va dai 40 agli 80 giri al minuto, la velocità necessaria per produrre succhi di buona qualità.
Coclea: è la parte che estrae il succo e può essere di vari tipi. La coclea orizzontale è per gli estrattori più complessi, utile per estrarre succo da foglie e frutti anche molto piccoli. La coclea verticale, invece, è fatta per l’uso quotidiano ed è più maneggevole, forse un po’ difficile da pulire. Infine, la coclea doppia è costituita da due coclee orizzontali ed è prettamente per uso professionale.

I migliori estrattori sul mercato

Il mercato propone diversi modelli di estrattore di succo a freddo, ciascuno con caratteristiche particolari. Vediamo quali sono i migliori e più abbordabili.

Uno dei top di gamma della categoria è il modello Hurom HH-WBE11, con un motore che lavora a 42 giri anche per 30 minuti. Consigliato sia per frutta che verdura, ha una brocca di 500ml e un utile salva goccia che non vi farà perdere neanche un po’ di succo. Il prezzo non è basso, siamo intorno ai 589 €, ma avrete tra le mani un prodotto d’alta qualità.

i migliori estrattori

Ad un prezzo più basso potrete acquistare il PHILIPS Avance Collection HR1894/80, che costa circa 206€. L’estrattore è facile da pulire, possiede un contenitore da circa 1 litro e il comodo beccuccio salva goccia.

Al di sotto dei 200€ potrete trovare il R.G.V. JUICEART, estrattore di succo con una potenza di 400Watt, capacità di 1 litro e sistema di spremitura a freddo di 60 giri al minuto. Il prezzo va dagli 89 ai 140€, molto dipende dalle promozioni e dai rivenditori.
Altro prodotto interessante è l’Estrattore Di Succo C-Juicer 4036, che costa circa 78€, dotato di due brocche trasparenti da 800 ml l’una, sistema salva goccia, spazzole per pulire e meccanismo silenzioso. È prodotto in Tritan, ma il filtro è in acciaio inox, la potenza viaggia sui 150W.

Articolo precedente
Prossimo articolo
Top
+