You are here
Home > Cronaca e Politica > Salvini: “Sea Watch ciondola nel mare, sulla pelle dei migranti”

Salvini: “Sea Watch ciondola nel mare, sulla pelle dei migranti”

“Niente Malta. Sea Watch ha cambiato nuovamente rotta: ciondola nel Mediterraneo e gioca sulla pelle degli immigrati, nonostante abbia chiesto e ottenuto un porto da Tripoli”. Lo dice il ministro dell’Interno, Matteo Salvini. “Stiamo assistendo all’ennesima sceneggiata – sottolinea -: dicono di essere i buoni, ma stanno sequestrando donne e bambini in mezzo al mare. Per loro, porti chiusi!”.

Nella tarda mattinata di ieri, dopo aver stazionato per ore in acque di ricerca e soccorso libiche, la Sea Watch 3 cambia rotta e punta decisamente verso Nord: Lampedusa è la destinazione più vicina. Ed il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, firma subito una nuova direttiva “preventiva” invitando le autorità di polizia ad intimare l’alt alla nave umanitaria nel caso puntasse ad entrare nelle acque italiane. “Ha chiesto alla Libia il porto sicuro, li faccia sbarcare lì”, attacca il ministro. “Tripoli non è un porto sicuro, sarebbe un crimine portare lì i naufraghi”, replica la ong tedesca. Ed è l’ennesimo braccio di ferro, con il titolare del Viminale che ribalta l’accusa delle procure nei suoi confronti imputando a Sea Watch il reato di sequestro. La ong mostra una comunicazione ricevuta in mattinata dalla “Libyan navy coast guard”: “secondo le regole il Pos (Place of safety, il porto sicuro, ndr) dove prendersi cura dei bisogni urgenti dei soccorsi a bordo – si legge – è Tripoli”. Ma il comandante non ci sta e risponde ricordando che la nave “batte bandiera olandese ed è obbligata ad aderire alle leggi olandesi ed internazionali riguardanti la ricerca e soccorso di persone in mare”. E secondo le norme, “noi siamo obbligati a trasportare le persone soccorse in un posto sicuro”; ma un posto come la Libia dove “le persone soccorse sono sotto una fondata minaccia di persecuzione o maltrattamento non può essere considerato un porto sicuro secondo la legge internazionale del mare”. Dunque, aggiunge, “non possiamo sbarcare le persone soccorse in un porto libico nè ad un’altra nave diretta in Libia”.

Articolo precedente
Prossimo articolo

Lascia un commento

Top
+