You are here
Home > Cronaca e Politica > Salvini a Napoli fra applausi e selfie

Salvini a Napoli fra applausi e selfie

Ai genitori di ragazzi “che confezionano o spacciano droga va tolta la potestà genitoriale”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, parlando con i giornalisti al termine dei lavori del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Salvini ha detto di aver incontrato in mattinata anche Arturo, il ragazzo ferito nei mesi scorsi in via Foria, a Napoli.

“Verrò personalmente a fare gli sgomberi”, ha promesso Salvini in Prefettura. “Ho chiesto di darmi un quartiere per partire con la bonifica – ha affermato – suoneremo campanello per campanello e prenderemo chi occupa abusivamente case”.

Nel quartiere del Vasto, Salvini è stato accolto da applausi dai balconi e selfie con gli immigrati. Alcune donne hanno urlato “Matteo, Matteo aiutaci”, riferendosi alla situazione che si registra nel rione.

“Al di là delle belle parole mi impegno entro la fine e dell’anno a portare cento uomini delle forze dell’ordine a Napoli per controllare via per via, palazzo per palazzo”, ha detto Salvini, al termine dell’incontro con il parroco del Rione Vasto a Napoli. “Nel quartiere – del Vasto – ha aggiunto Salvini – siamo già scesi da mille a seicento immigrati, l’obiettivo è di arrivare a zero irregolari”.

Intanto sono stati affissi nella notte in varie parti del centro della città manifesti contro l’arrivo del ministro dell’Interno Matteo Salvini oggi a Napoli. Sui manifesti, uno dei quali affisso in via Verdi, poco distante dal Comune di Napoli e dalla sede del Consiglio comunale, uno dei cori che Salvini aveva intonato in occasione della festa della Lega a Pontida nel 2009: “Senti che puzza, scappano anche i cani, stanno arrivando i napoletani. O colerosi, terremotati, voi col sapone non vi siete mai lavati”.

Articolo precedente
Prossimo articolo

Lascia un commento

Top
+