You are here
Home > Cronaca e Politica > Cesare Battisti arrestato in Bolivia

Cesare Battisti arrestato in Bolivia

La fuga di Cesare Battisti è finita. L’ex terrorista dei Pac è stato catturato in Bolivia da agenti boliviani con input degli investigatori italiani. Un aereo del governo italiano con uomini dell’Aise – l’intelligence dell’estero e il cui contributo è stato fondamentale per arrivare all’arresto di Battisti – e investigatori della Polizia è già decollato per la Bolivia. Battisti è stato arrestato alle 17 di sabato (le 22 in Italia), mentre camminava in una strada di Santa Cruz de La Sierra, nell’entroterra boliviano. Non ha tentato la fuga, agli agenti ha risposto in portoghese, poi è stato portato in caserma. La svolta da intercettazioni nelle indagini coordinate dalla procura generale di Milano.

E il deputato federale e figlio del presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, ha voluto subito mandare un messaggio al ministro dell’Interno: «Matteo Salvini, il “piccolo regalo” sta arrivando», ha scritto Eduardo Bolsonaro su Twitter.

Soddisfatto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Il Capo dello Stato si augura che Battisti venga subito consegnato alla giustizia italiana, affinché sconti la pena per i gravi crimini di cui si è macchiato in Italia e che lo stesso avvenga per tutti i latitanti fuggiti all’estero. Anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte: «Finalmente giustizia per le famiglie, un risultato atteso da 40 anni. Un nostro aereo è in viaggio per la Bolivia, atterrerà verso le 17 (ora italiana) con l’obiettivo di prendere in consegna Battisti e riportarlo in Italia. Ad attenderlo qui da noi ci saranno le nostre carceri affinché possa espiare le condanne all’ergastolo che i tribunali gli hanno inflitto a suo tempo con sentenze passate in giudicato, non certo a causa delle sue idee politiche, bensì per i quattro delitti commessi e per i vari reati connessi alla lotta armata e al terrorismo».

Articolo precedente
Prossimo articolo

Lascia un commento

Top
+